fbpx
Raffaella Manetta
Image default
FASHION

MFW 2024: Promenade della Moda

Promenade della Moda è stato protagonista della Milano fashion Week

L’evento Internazionale Promenade della Moda è stato di nuovo protagonista della settimana della moda milanese, accendendo i riflettori su una brillante vetrina di talenti provenienti da diversi paesi del mondo.

MFW_Promenade della Moda 24_Borrelli&Partners_Credits Alessio Moro
Credits Alessio Moro

Questo evento è diventato un palcoscenico fondamentale per gli stilisti emergenti ma anche per quelli affermati che vogliono promuovere le loro collezioni davanti ad un pubblico di settore e fashion addicted.

Main Sponsor dell’evento la società milanese Borrelli&Partners Founder & CEO Vincenzo Borrelli.

 

La società nasce dalla volontà di voler supportare le aziende sulle diverse problematiche di natura ordinaria e straordinaria.

L’ambito delle aree in cui opera sono: organizzazione e assistenza aziendale ordinaria e straordinaria, assistenza fiscale nazionale e internazionale, revisione legale e contabile, gestione e pianificazione delle risorse umane nonché l’assistenza gestionale e finanziaria e ristrutturazione del debito.

Ma ora entriamo nel vivo della sfilata e conosciamo i designer che hanno calcato le passerelle milanesi.

Ad aprire la sfilata è stato il Brand del Designer David Lafitte Pagano, che lo vede protagonista per la terza stagione con la sua nuova FLOWER EXPLOSION.

David Lafitte Pagano (foto Silvio Cuofanò)
Credits Silvio Cuofanò

Una vera e propria esplosione di fiori che caratterizza la nuova collezione di Lafitte Pagano.

Fiori grandi, aperti che racchiudono cascate di cristalli, perle, coralli e turchesi.

Sono anche questi ultimi i colori usati nella collezione, che appunto varia dalle multiple tonalità del rosa al corallo e al turchese.

Un segno distintivo di stile che sottolinea ancora una volta il legame con il tema dei fiori delle collezioni firmate David Lafitte Pagano Haute Couture Jewerly.

Luca Hettner Design Couture

Designer con oltre 25 anni di attività nel fashion System e Special Guest della VI edizione di Promenade della Moda ha presentato la collezione in esclusiva ” SHEIKHA”

Luca Hettner Design - Promenade della Moda
Luca Hettner Design

Luca Hettner e’ da sempre nel mondo della moda, approda giovanissimo da Ferré dove oltre che come designer collabora anche per la ricerca di nuove tendenze per Dior.

Le esperienze in oltre 25 anni di carriera sono molteplici e poliedriche, non solo la creazione del suo brand e delle sue collezioni tra cui dal 1997 quella di Couture, distribuite in Italia ed all’estero.

Collabora come fashion designer e consulente con diverse aziende, fotografi, stylist ed è docente per master di settore e curatore d’immagine sia come designer che come visual, lasciando ovunque la sua impronta creativa ed innovativa.

Da 10 anni Luca lavora con capsule collection continuative di capi unici. In un susseguirsi di cotoni pregiati, organze ,ricami impalpabili , lurex e jersej di seta che sagoma e si trasforma la collezione è ispirata alla forza reale ed estetica delle donne Arabe e non solo è un inno alle donne che combattono tutti i giorni per la propria indipendenza senza mai rinunciare alla loro femminilità.

I bijoux che hanno completato i look della collezione sono della designer “Lorena Cavaglià Taddei”.

Khleo design di Monica Pagano

Brand Khleo (Foto Silvio Cuofanò)
Credits Silvio Cuofanò

Imprenditrice e professionista lombarda, debutta alla Milano Fashion Week con una collezione 
dedicata alle donne imprenditrici ma con uno stile unico e alle amanti della moda.

La capsule collection, concepita per vestire donne di successo che affrontano la vita con sicurezza, si presenta come un’ode di qualità, alla vestibilità e all’innovazione.

Ogni capo racconta una storia intrisa di passione, qualità e femminilità. Ciò che rende Khleo un brand straordinario è la sua fusione tra artigianalità e sostenibilità, mettendo al servizio della moda non solo il savoir-faire italiano ma anche un impegno concreto verso la salvaguardia dell’ambiente.

La collezione è caratterizzata dall’uso di materiali riciclati, pratiche produttive sostenibili e una produzione interamente made in Italy.

Uno dei principali obiettivi è infatti sostenere la passione e la dedizione dei artigiani italiani, che sono il tessuto sociale e una delle leve più importanti del Italia.

Fama Clamosa di Alexandra Kononenko

Alexandra Kononenko (foto Alessandro di Martino)
Credits Alessandro Di Martino

La designer presenta la sua collezione chiamata “Oscar”.

Il materiale principale è il velluto.

Questo è il tessuto preferito della stilista, secondo le sue parole, il velluto rappresenta la festa, bellezza e lusso.

La donna che sceglie il brand di Alexandra è attenta ai dettagli e vuole emergere dall’ordinario, che si tratti del tappeto rosso di un evento glamour, di un incontro, di lavoro o di una cena in famiglia.

Femminilità e ricercatezza.

Maria Mirmelstein e Tatyana Sinitskaya da Israele .

La capsule collection è stata creata in collaborazione tra designer di abbigliamento femminile Maria Mirmelstein e la designer di accessori Tatyana Sinitskaya Sinita Brand.

Maria Mirmelstein e Sinita Brand (foto Fulvio Nessi)
Credits Fulvio Nessi

Il nome della collezione “Urban Soul” riflette la loro visione dell’immagine di una donna sempre giovane, coraggiosa, veloce, di successo, che conosce il suo valore e che non ha paura di esperimentare.

Sceglie colori classici (nero, beige delicato, rosso e bianco) e tessuti di alta qualità (lana, seta, pizzo), la sua originalità si manifesta nella scelta di accessori fatti a mano.

E sa anche che la sua vera sensualità non sono nei vestiti, ma nella percezione della vita, nell’intelligenza, nel senso dell’umorismo e nella fiducia in se stessi, nell’amor proprio. Nonostante tutta la sua forza, rimane tenera e fragile. Lei è reale, ama la vita.

DRESS_CODE Collection

Dress code (foto Stefano Iuso)
Credits Stefano Luso

Il brand nasce da un’idea di Andrea Gobbin, Founder del magazine DRESS_CODE.

Il fil rouge è l’artigianalità del prodotto, pensato dalla a alla z per essere completamente personalizzabile sia nei dettagli che nei materiali o i colori.

DRESS_CODE Collection racchiude tutto il mondo dell’outfit in ogni suo elemento dai vestiti agli accessori, dalle scarpe fino ai profumi.

In passerella, abbiamo potuto vedere la Capsule DRESS Code Collection ispirata ai colori dei coralli che vivono nelle profondità del mare, alla sabbia del deserto e ad una notte medio orientale energica ed esplosiva totalmente Made In Italy.

Questa collezione si chiama “Ninfea nel Deserto” perché racchiude la bellezza della vita e della natura. Indossare questi abiti pieni di personalità dona sicurezza, sensualità e determinazione alla donna che lo porta in passerella e nella vita.

I capi sono acquistabili direttamente on line, sia in versione ready to wear che in versione personalizzata attraverso il sito e commerce.

Maya Tavadze

Maya Tavadze (foto Stefano Iuso)
Credits Stefano Luso

Nelle lunghe sere d’inverno, osservando il fuoco del camino, immaginava di essere la regina nera di un castello medievale, con una torcia in mano, vagando lunghi corridoi bui, scendendo dai freddi gradini di pietra di un enorme scalinata per visitare mostri addomesticati seduti sulle catene.

Regine potenti, fantasmi gentili, principi sofisticati, cavalieri in armatura, demoni seducenti: i suoi sogni d’infanzia oggi si sono trasformati nei personaggi della sua collezione, che si chiama “Gothica” e che presenta a Milano nella sfilata.

Ecopelle, pizzi sofisticati, catene metalliche, girocolli, estetica del colore nero: ecco in cosa consiste la mia collezione.

BUGLOR

Il brand BUGLOR è sinonimo di design esclusivo, di alta qualità e approccio individuale.

Larisa Bulgatova (foto Alessandro di Martino)
Credits Alessandro di Martino

Nella creazione del prodotto si utilizzano le forme geometriche e il metodo dell’origami, che conferisce al prodotto esclusività e unicità! Il marchio premium rende le donne belle e vivaci in ogni evento.

La nuova collezione Rebirth comprende non solo diversi look della primissima collezione Transformation, ma anche nuovi prodotti completamente diversi.

La collezione si chiama Rebirth perché fa rivivere lo spirito della prima collezione, che utilizzava una forma geometrica basica come il quadrato.

La collezione presenta i look dal focus quadrato, abbinati a bellissime plissettature. Questa collezione è il punto di partenza della storia del marchio, poiché combina sia le forme geometriche che il metodo origami.

Accessori che hanno completato il look sono di Andresia by Alexandra Moisa

MARGA

Marga (foto Alessandro di martino)
Credits Alessandro Di Martino

È una designer, che ha partecipato ed ha vinto diversi concorsi internazionali di design e moda in Corea, Cina, San Pietroburgo, Mosca, Khabarovsk e Vladivostok, tre volte vincitrice del Premio presidenziale russo.

Il marchio di abbigliamento musulmano contiene look audaci e d’avanguardia integrati nel prêt-à- porter.

L’idea principale del marchio è che l’abbigliamento musulmano possa essere espressivo e progressista.

L’ispirazione per la collezione “Monsoni orientali” è stata la simbiosi delle culture asiatiche e orientali. L’asiatico è audace e progressista, mentre l’orientale è misterioso e ammaliante.

Le immagini dei monsoni dell’Asia orientale esistenti nella collezione sono avvolgenti, multistrutturate, realizzate con materiali come similpelle, vernice in similpelle, neoprene, organza, jacquard.

YANG LAIN

Adilya Botabayeva, vincitrice di premi internazionali, stilista, maestra del fashion design e fondatrice del primo marchio trasformer in Kazakistan, YANG LAIN.

Adilya Botabaeva(foto Silvio Cuofanò)
Credits Silvio Cuofanò

È una delle 50 migliori designer della Malesia e anche una delle 10 migliori designer innovative presentate da Adidas x Woolmark.

Da giugno 2023, le collezioni del marchio YANG LAIN sono state vendute con successo negli showroom di Tokyo, in Giappone.

Il concetto del brand è la consapevolezza sia del produttore che del consumatore.

Creare trasformer funzionali è il modo per ridurre l’impatto negativo dell’industria della moda sull’ambiente, perché un capo può essere trasformato in più capi di abbigliamento e accessori, completamente diversi nel design e nella funzionalità.

Molti capi della collezione sono realizzati utilizzando la tecnica Zero-Waste: tutto il materiale residuo viene utilizzato al massimo, i capi sono facilmente modificabili per adattarsi a chi li indossa.

LINA DE LANG (BELGIO)

“Metamorphose” è una storia sulla trasformazione, sui tanti ruoli che ci sono destinati nel mondo moderno, dove vogliamo sempre essere diversi.

Lina de Lang foto Giuseppe Luvera
Credits Giuseppe Luvera

E ogni nostro giorno è una piccola performance in cui la moda ci aiuta a reincarnarci e ad apparire in un nuovo ruolo.

L’idea della metamorfosi si esprime nel gioco di trame “vecchie” e nuove: qui il classico velluto convive pacificamente con il denim dinamico, che, a sua volta, è organicamente integrato dall’ecopelle, che è diventata il segno distintivo di un “verde “visione del mondo.

La metamorfosi è il concetto più generale dei processi che avvengono nell’Universo e, di conseguenza, nel mondo che ci circonda e nel nostro microcosmo. Cambiano forme e stili, ritmi e umori.

Il tema delle farfalle è rivelato in dettaglio: si tratta di perline che ricordano le antenne, che sottolineano la geometria del colore della catena, dettagli di abiti che si riferiscono alle ali e, naturalmente, le stesse “eroine”, trasformate brevemente in applicazioni.

Alex Krown Design

Il designer Alex Krown ha realizzato una collezione puntando tutto sul futurismo, cyberpunk, post-apocalisse. Il manifesto della collezione è stato No Rules.

Non ci sono regole nell’abbigliamento, nella moda, nello stile e nell’espressione di sé.

L’artista-designer Irina Giricheva presenta la sua collezione chiamata “L’arte nella vita quotidiana”

“La mia passione per le sciarpe, le stole e i foulard è legata al fatto che ognuno può essere interpretato come un’opera d’arte da portarsi al collo.”

Ed è proprio questo matrimonio fra arte e moda che ha fatto del foulard l’idea regalo ideale per molte occasioni, soprattutto quando si scelgono pezzi curati artigianalmente e caratterizzati dalla cura pittorica della fantasia.

Dipingere sulla seta è un processo un po’ laborioso. Da uno schizzo su carta a una sciarpa pronta.
Questo processo è come la nascita di un bambino, ci metti il tuo cuore e l’anima, di conseguenza, ottieni un oggetto completamente unico. Il foulard è un quadrо di stoffa leggera che coniuga lo stile alla praticità.

Queen Keys di Polina Tropillo

Polina ha tratto ispirazione per la sua collezione da artisti, scultori e compositori italiani di epoche passate. Tessuti italiani con un design Russo.

Fibbie antiche e accessori creati da artigiani con metalli preziosi e pietre, esclusivi ricami fatti a mano e pellicce naturali nelle rifiniture dei abiti creano l’unicità dei look, dando il tocco magico di colori аgli outfit.

Irem Ünsalan

Irem Unsalan (foto Alessandro di Martino)
Credits Alessandro di Martino

A Milano designer Irina Unsalan ha presentato la collezione “Il fiore del deserto”
La collezione nasce spontaneamente, per le donne dotate di un aspetto luminoso, a cui non c’è altro da aggiungere se non dettagli creati con tessuti naturali e pietre magiche.

Le immagini sono create dalla seta selvatica indiana, che hanno il suo colore dorato naturale e tutte le sue sfumature, jacquard selvaggio indiano e broccato. Gli abiti sono ricamati con pietre naturali (avventurina sabbia dorata, ambra, occhio di tigre, avventurina nera).

Partner evento

Questo evento è stato dedicato a colui che ha fatto la storia dei backstage di tanti eventi importanti, nazionali e internazionali. Un grande Hair Stylist, professionista e non solo, un uomo di grande generosità Gianni Graziano.

Si ringraziano tutti i partners che hanno sostenuto l’evento:

The Fashion Colors Magazine; Moda&Lifestyle Bassetti Home Design; Dress_Code Magazine; Industria Fashion di Kyrghizstan; The Way Magazine; Fashion Luxury Portale Web di informazione; SPB Seasons; Fidenza Village Shopping Center, Via Spiga 15 Showroom, Amore World Magazine, La rivista Melon Rich; la rivista Moda Unica; Consorzio Alfa G Group, Glami Inside Fashion, StudioT Showroom, Corrirebit.com, Donna Oggi Editore, Model Actor casting, Radio Fashion Magazine, Photography Exposed e Fotomodella Italiana.

La settimana della moda è terminata lasciando quello scintillio e fashion style che si vive solo durante la fashion week.

 

Related posts

DRESS_CODE Fashion Show

Raffaella Manetta

LE GABRIELLE Event – Glam & Style

Raffaella Manetta

BARBIE THE MOVIE

Raffaella Manetta

Lascia un commento