LE SETTIMANE DELLA MODA MASCHILE SONO DESTINATE AD ESTINGUERSI?

LA DIVERSITÀ DELLA BELLEZZA: HEYLASH MILANO
27 giugno 2018
DIGITAL FASHION SYSTEM: I BRAND ITALIANI DOMINANO SUL WEB
4 luglio 2018

La linea giovane di Giorgio Armani, che da sempre sfila a Milano, si ritira dal calendario maschile, spostandosi sulla Settimana della Moda femminile di settembre, dove svelerà le sue collezioniuomo e donna per la primavera-estate 2019.

Le Settimane della Moda maschile sono destinate a ridursi, perché un numero sempre maggiore di aziende decide di optare per sfilate miste. L’ultima tra esse in ordine di tempo è Emporio Armani. In questi ultimi anni, il Brand aveva già rinunciato a sfilare a Milano, ma si era cancellato dalla Fashion Week femminile, facendo sfilare la sua collezione dedicata alla donna a Parigi, e poi a Londra. Questo nuovo cambiamento segna una svolta strategica. Sfilare durante le Fashion Week maschili sembra aver perso il suo fascino. Soprattutto a Milano, dove il calendario si è ridotto, mostrando in cartellone 12 sfilate miste su 28.

Organizzare un défilé è costoso e non appare più così necessario alle case di moda, che hanno imparato a comunicare in modo diverso, in particolare attraverso il digitale, uscendo dal calendario tradizionale. Anche Haider Ackermann ha recentemente annunciato l’intenzione di abbandonare la Settimana della Moda maschile di Parigi, preferendo posizionarsi sul calendario femminile parigino il prossimo settembre con una sfilata mista.

Sulla scia di questa decisione, a sua volta anche il marchio bolognese di pelletteria Furla ha deciso di unificare le presentazioni, svelando le proprie collezioni maschile e femminile durante un singolo ed unico evento nel corso della Fashion Week di Milano dedicata al guardaroba femminile, a partire da settembre 2018.

Stessa decisione per Ermanno Scervino, il cui uomo non sfilava più dal 2016. La firma fiorentina riporterà la sua collezione maschile sulle passerelle milanesi. Non in giugno, ma in settembre, durante la settimana del prêt-à-porterfemminile, con uno show“co-ed”.

Altre griffe hanno capito che è fondamentale, oggi più che mai, distinguersi per ogni sorta di iniziative o innovazioni per attirare i riflettori su di loro. Ormai il cambiamento è all’ordine del giorno ogni stagione.

Così, Gucci, che figura già nel calendario femminile con uno show misto, si trasferirà da Milano a Parigi in settembre. Il marchio Vetements di Demna Gvasalia lascia invece la Settimana maschile per sfilare fuori calendario durante la HauteCouture.

Il Digital sta cambiando le sorti del Fashion System? Sul prossimo articolo vi svelerò tanti nuovi Rumors…

3 Comments

  1. fra ha detto:

    la settimana della moda, femminile o maschile che sia per me è fondamentale, credo che anche solo la possibilità che venga meno sia una grande perdita

  2. sheila ha detto:

    una scelta intelligente e consapevole visto come sta cambiando la società gusti tendenze e … generi

  3. Veronica ha detto:

    Sinceramente sarei per i calendari separati come da tradizione, in modo da approfondire meglio le collezioni; unificandole c’è sempre il rischio che la donna monopolizzi l’attenzione. Sempre bello leggere il tuo blog che ci propone spunti di riflessione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *